E’ DAVVERO POSSIBILE RAGGIUNGERE LA SERENITA’ CONDOMINIALE?

Fabio Ferretti •
Spread the love

Qualche settimana fa mi ha chiamato Simone, un mio vecchio amico del liceo.

Non ci sentivamo da anni e non sapeva mi occupassi di condominio fino a che non si è imbattuto in questo blog.

E’ stato un piacere ricordare i vecchi tempi e l’età della spensieratezza, ma poi, quando ho scoperto che ora vive in condominio, non ho potuto non fargli delle domande.

Ho scoperto con estremo piacere che è una di quelle poche persone che è serena nonostante viva in condominio ed anzi, è molto felice di abitarci.

Mi ha veramente stupito quando mi ha detto:

“Non so come farei se non vivessi in condominio, quando ho un problema posso sempre contare sull’aiuto dei miei vicini!”

Lo so, starai pensando che è follia eppure è proprio così.

Ripensando alla chiacchierata fatta ho individuato 7 passi che più o meno inconsapevolmente ha compiuto per raggiungere questo traguardo impensabile per la maggior parte delle persone che vivono in condominio.

Spesso, infatti, si associa la vita in condominio ad un vero e proprio inferno e probabilmente ad oggi lo è per molti.

Considera che nel 2019 le cause legali in corso di natura condominiale erano più di 2 milioni…

Cause di ogni tipo come:

  • Quelle contro l’amministratore per mala gestione o per aver fatto sparire delle somme di denaro dalle casse comuni,
  • Quelle tra vicini per i motivi più disparati come rumori molesti, occupazione dei parcheggi o odori fastidiosi,
  • Quelle contro l’impresa che ha costruito il condominio per errori commessi,
  • Quelle nei confronti delle imprese fornitrici del condominio per lavori non eseguiti a regola d’arte,
  • Quelle contro le assicurazioni per mancati risarcimenti,

un vero e proprio inferno!

Allora come è possibile che da questo girone Dantesco Simone sia riuscito ad ottenere la serenità condominiale?

Quello che ho potuto notare e voglio condividere con te è il cambio di mentalità che ha fatto.

La strada non è semplice ed è necessario che anche tu faccia un cambio di mentalità per raggiungere la serenità condominiale.

Spesso però, le persone vogliono un cambiamento senza essere disposte a far nulla perché questo accada.

Se anche tu sei tra queste, ti consiglio di smettere di leggere questo articolo.

Non esiste nessuna bacchetta magica che possa trasformare i vicini in amici e l’amministratore in alleato del condominio… se esistesse la userei, ma non esiste!

Perciò devi avere coraggio ed assumerti la responsabilità della tua situazione attuale.

Simone ha compiuto 7 passi e se anche tu li ripercorrerai vivrai il condominio come un valore aggiunto e non come una sofferenza.

Ti avverto che solo in pochi riusciranno a portare a termine tutti e 7 i passi, ma posso dirti che anche se riuscirai a farne solo 4 o 5 otterrai tantissimo e sarai in una condizione sicuramente migliore rispetto alla media dei condomini in Italia.

Prima di svelarti i 7 passi compiuti da Simone, voglio farti una domanda:

Perché è così importante la serenità condominiale?

La risposta è insita nell’essere umano stesso.

Ogni individuo per avere una vita appagante deve riuscire ad essere soddisfatto e mantenere in equilibrio queste 3 aree:

–          SALUTE

–          DENARO

–          RELAZIONI

Queste 3 aree della vita sono legate insieme da una risorsa comune: IL TEMPO.

Prenderti cura della tua salute richiede tempo.

Tempo per pensare a cosa mangiare, tempo per allenarti, tempo per fare delle visite.

Guadagnare denaro richiede tempo, sia che tu sia un lavoratore dipendente, sia che tu sia un imprenditore.

Avere delle relazioni soddisfacenti richiede tempo.

Tempo per prenderti cura di te e curare i tuoi hobby, tempo da passare con i tuoi amici e con i tuoi affetti.

E’ abbastanza chiaro che come trascorri il tuo tempo determina la qualità della tua vita, giusto?

E qual è quel posto in cui il tempo che trascorri ha un valore ancora più importante?

Quel posto in cui le persone si sentono tranquille ed al sicuro?

Esatto, la casa.

E se la tua casa si trova in un condominio la tua serenità in casa dipende dalla tua serenità condominiale.

Chiarito questo aspetto fondamentale è arrivato il momento di mostrarti i 7 passi che devi compiere per raggiungere la serenità condominiale:

1.       non scegliere la casa dei sogni, ma il condominio dei sogni,

2.       essere consapevoli che la casa fa parte del condominio,

3.       creare buoni rapporti con i vicini,

4.       scegliere un super amministratore di condominio,

5.       rispettare il regolamento condominiale come la legge,

6.       partecipare alla vita di condominio,

7.       vivere il condominio come una piccola comunità.

Non preoccuparti se in questo momento non hai capito un granché perché ti farò vedere punto per punto.

1 NON SCEGLIERE LA CASA DEI SOGNI, MA IL CONDOMINIO DEI SOGNI

Mi rendo conto che questo concetto non è applicabile immediatamente, ma leggilo con molta attenzione perché se in futuro dovessi cambiare casa ti tornerà estremamente utile!

Quando acquisti casa c’è un aspetto importante che nessuno prende mai in considerazione.

La maggior parte delle persone quando compra casa segue alcuni criteri di scelta come ad esempio:

  • la località, il Comune dove vivere, la zona all’interno del Comune,
  • quanti locali servono nella casa,
  • in quale piano del palazzo si vuole stare.

Nessuno prende in considerazione il condominio come criterio di scelta.

Il condominio è parte integrante della tua casa, o meglio, la tua casa è dentro un condominio.

Lo so, è ovvio, ma sono certo che non hai preso in seria considerazione questo aspetto quando hai acquistato la tua casa.

Valutare il condominio significa:

  • prendere in esame l’edificio,
  • cercare di capire come è stato gestito fino ad ora e se sono stati fatti lavori di manutenzione,
  • capire se sono necessari lavori straordinari,
  • conoscere come sono le persone che ci vivono andando a parlare con alcuni di loro,
  • capire se ci sono situazioni critiche oppure condomini maleducati.

Parlare con l’amministratore potrebbe aiutare a capire se ci sono condomini morosi, se ci sono in programma dei lavori e soprattutto se vengono fatti i lavori di manutenzione programmata.

Programmare lavori ogni anno è sinonimo di salute del condominio perché vuol dire che c’è particolare attenzione nella gestione e i condomini sono attivi nella vita condominiale e molto probabilmente ci sono pochi casi di morosità.

Un’attenta analisi del condominio ti darà buone possibilità di trovare persone affini al tuo modo di vedere il condominio e in questo modo si potrà creare la base di un ambiente più sereno.

2  ESSERE CONSAPEVOLI CHE LA CASA FA PARTE DEL CONDOMINIO

Questo concetto richiede un cambio di mentalità, devi metterti in testa che la tua casa è all’interno di un condominio e, quindi, per avere serenità tra le mura domestiche devi contribuire alla serenità condominiale.

Per farlo, ti consiglio di essere da esempio e questo significa:

  • rispettare il regolamento condominiale,
  • rispettare le regole di buon vicinato come essere gentile ed educato con chi vive nel tuo stesso palazzo,
  • fare attenzione a dove lasci l’auto ed assicurarti che tutti i condomini possano parcheggiare,
  • non provocare rumori molesti,
  • ecc. ecc.

Quando vuoi invitare degli amici a cena e sai che puoi provocare rumori fino a tardi oppure decidi di accendere il bbq per fare una grigliata, avvisa i tuoi vicini diretti che hanno la casa che confina con la tua.

In questo modo è come se stessi chiedendo un po’ più di tolleranza del solito e sono certo che ti sarà concessa ma, soprattutto, hai reso partecipe i tuoi vicini e questo li farà sentire gratificati.

Di conseguenza anche loro saranno spronati a fare lo stesso con te (se ti interessa ho scritto un articolo su come risolvere il problema del vicino rumoroso).

3 CREARE BUONI RAPPORTI CON I VICINI

Molto spesso chi vive in condominio non conosce nemmeno il nome della persona che gli vive di fronte!

Questo è inaccettabile se vuoi raggiungere la serenità condominiale.

I tuoi vicini sono le stesse persone con le quali in assemblea prenderai decisioni importanti, come puoi non conoscerle?

La vita di tutti i giorni è frenetica lo so, ma basta davvero poco tempo per creare un buon rapporto con i vicini.

Non devono diventare i tuoi migliori amici, ma conoscerli è importante.

Sempre sull’articolo “come risolvere il problema del vicino rumoroso” do diversi suggerimenti su come creare rapport con il vicino.

Se il palazzo dove vivi è molto grande non c’è bisogno di conoscere tutti, ma è indispensabile almeno i vicini direttamente collegati al tuo appartamento.

4 SCEGLIERE UN SUPER AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO

Sono certo che arrivati a questo punto qualcuno sarà pronto a commentare dicendo che nelle situazioni tra vicini l’amministratore non ha potere di intervenire.

Non sarò certo io a smentire il codice civile per carità, però, penso che l’amministratore abbia un ruolo fondamentale nella gestione del condominio e non solo delle parti comuni.

L’amministratore conosce tutti i condomini ed ha la possibilità di creare situazioni per far aggregare le persone, farle conoscere e farle confrontare per far emergere le situazioni di conflitto, oltre che mediare per risolverle.

Qualora il regolamento condominiale non fosse chiaro e dettagliato deve spronare i condomini a modificarlo affinché sia chiaro e comprensibile per tutti e a quel punto deve fare di tutto per farlo rispettare.

Fare questo nella situazione attuale è molto difficile per qualsiasi amministratore.

L’amministratore moderno è intrappolato nel registrare la contabilità, far rispettare le scadenze fiscali, trovare e gestire i fornitori, rispondere alle richieste dei condomini, occuparsi di incassare le quote condominiali e pagare i fornitori.

Puoi capire da solo che un amministratore non può occuparsi anche della serenità condominiale. Per questo motivo è fondamentale che la scelta dell’amministratore di condominio sia attenta ed oculata e che ricada su un super amministratore di condominio.

Per riconoscerlo ho scritto un articolo specifico: Codice Condominiale – Come riconoscere un Super Amministratore di Condominio

5 RISPETTARE IL REGOLAMENTO CONDOMINIALE COME LA LEGGE

Come ti ho accennato nel punto precedente, il regolamento condominiale è uno dei documenti cardine del condominio.

Molto spesso viene sottovalutato e la maggior parte dei regolamenti condominiali sono stati scritti dall’impresa che ha costruito il condominio in modo molto generico.

Il regolamento di condominio è il documento con il quale si stabiliscono le regole che valgono per tutti e, più il condominio è grande, più deve essere scritto in maniera chiara e dettagliata per evitare confusione.

Deve, inoltre, prevedere delle sanzioni in linea con la legge, perché senza una vera e propria sanzione chiunque può prendersi la libertà di trasgredire.

In ogni ambito le regole servono a definire la libertà di ogni individuo!

Per questo motivo il documento deve essere vivo, nel senso che deve cambiare nel tempo seguendo i mutamenti e le dinamiche del condominio e di chi ci vive

Non puoi pensare che un regolamento resti valido per 20 anni.

Per questo motivo il ruolo dell’amministratore è determinante.

Un professionista che ha a cuore la vita del condominio deve proporre regolarmente all’assemblea le modifiche al regolamento in base alle necessità di tutta la comunità condominiale senza creare disparità o vantaggi per il singolo individuo.

6 PARTECIPARE ALLA VITA DI CONDOMINIO

Questo è il passo più importante quindi vado dritto al punto: non si può ottenere serenità condominiale senza partecipare attivamente alla vita condominiale.

Non puoi pensare di rientrare in casa, chiudere la porta e fregartene di quello che succede intorno a casa tua.

Non mi stancherò mai di ripeterlo, il condominio è un’estensione della tua casa con la differenza che devi condividerlo assieme ad altre persone e che ti piaccia o no, devi trovare un punto di equilibrio con gli altri condomini.

Dispetti, litigi e prese di posizione non portano niente di buono e ti faranno finire in tribunale o, peggio ancora, arrivare alle mani come spesso si legge tristemente sulla cronaca nazionale.

Essere attivi alla vita condominiale vuol dire:

  • partecipare alle assemblee,
  • capire e valutare l’operato dell’amministratore (che deve diventare un partner del condominio),
  • collaborare con l’amministratore per controllare l’operato delle imprese che ci lavorano all’interno,
  • essere il suo occhio all’interno del condominio per fare squadra insieme.

Partecipare alla vita in condominio significa anche organizzare occasioni per incontrarsi con gli altri condomini (ad esempio: feste, cene, aperitivi) per conoscersi e confrontarsi e per affrontare criticità sempre con uno spirito collaborativo e costruttivo per il bene di tutti.

Probabilmente ora ti sembra utopistico tutto ciò, ma è a questo che devi puntare un po’ alla volta, anche se non sarà semplice.

7 VIVERE IL CONDOMINIO COME UNA PICCOLA COMUNITA’

Il condominio è una piccola comunità, aiutarsi reciprocamente è indispensabile per una vita serena.

Nel momento in cui hai deciso di vivere in un condominio devi dare il tuo contributo sociale.

Mentre sto scrivendo questo articolo il mondo sta affrontando l’emergenza sanitaria legata al Coronavirus e per oltre due mesi siamo stati costretti a restare chiusi in casa.

Bene, da un lato sono aumentati i litigi tra i vicini, dall’altro ci sono stati esempi di condomini che sono passati da perfetti sconosciuti ad aiutarsi a vicenda ogni giorno.

Ho visto condomini organizzarsi per fare la spesa alle persone anziane del palazzo che non potevano uscire di casa ed altri organizzare raccolte di beni di prima necessità per chi era impossibilitato a lavorare e stava attraversando difficoltà economiche.

Questo è lo spirito di comunità al quale mi riferisco. Dare il proprio contributo per gli altri secondo le proprie possibilità.

Così facendo riceviamo nel medio lungo termine un contributo più grande.

Gli americani lo chiamano “GIVERS GAIN” mentre i latini lo chiamavano DO UT DES – Doniamo affinché gli altri ci restituiscano indietro!

CONCLUSIONI

So che quanto hai appena letto potrebbe essere molto distante dalla tua situazione e so che alcuni punti sono di difficile realizzazione come ad esempio il primo.

Ma ti assicuro che se, un punto alla volta, deciderai di dedicare un po’ del tuo tempo a queste attività, sarà ben speso e otterrai una maggiore serenità condominiale.

Alla tua serenità condominiale,

Fabio

P.S. Se conosci uno di quei pochi professionisti di cui ti ho parlato o magari sei tu stesso uno di quelli ti invito a compilare il questionario che trovi a questa pagina per capire come entrare nella nostra rete!

P.P.S. Scrivo articoli come questo per tutte le persone che come te vivono in condominio e sono interessate ad utili consigli su come gestire il proprio rapporto con l’amministratore e con i vicini.

Avere un blog porta via davvero molto tempo, per questo sono davvero soddisfatto quando gli articoli ricevono condivisioni e commenti di critica positiva (e negativa)! Ti chiedo quindi, se ti va, di condividere l’articolo con i pulsanti a lato (sinistro) e commentare l’articolo con la tua opinione al riguardo. Se hai domande, non esitare a farle!

Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti